A Milano il parco di CityLife tra i finalisti del Green Cities Award

Condividi questo contenuto:

Il parco di CityLife è stato il candidato italiano selezionato per concorrere all’European Green Cities Award 2021, riconoscimento internazionale assegnato dall’Ena European Nurserystock Association, col patrocinio del Parlamento Europeo. Il riconoscimento, che è nato solo un anno fa, nel 2020, premia il parco europeo che rappresenta più di ogni altro il verde urbano. Il progetto vincitore deve riuscire a sintetizzare diverse esigenze: quelle dettate dalle sfide climatiche, di integrazione sociale, di rigenerazione urbana. Il Parco di CityLife ha concorso quindi al Green Cities Award con altri 12 progetti di verde urbano, ognuno in rappresentanza dei Paesi europei che partecipano; erano presenti i parchi di Svezia, Ungheria, Francia, Belgio, Bulgaria, Portogallo, Polonia, Germania, Grecia, Irlanda, Olanda e Danimarca.  Il premio, dall’alto valore simbolico e dalla forte visibilità internazionale, nasce dall’obiettivo di incoraggiare progetti di aree e infrastrutture verdi, ambiziosi, stimolanti e con un forte carattere innovativo, valutando l’impatto del progetto sulla biodiversità, sul cambiamento climatico, sulla coesione sociale e sul benessere psicofisico dei fruitori.  Il Parco di CityLife è arrivato in finale dopo aver superato una selezione agguerrita, tra altre aree verdi urbane italiane, come la Biblioteca degli Alberi, sempre a Milano, e il Real Bosco di Capodimonte a Napoli. I tredici progetti sono stati valutati da una giuria internazionale della quale fa parte, per la prima volta un membro italiano, Novella Cappelletti, direttrice della rivista specializzata internazionale Topscape Paysage. Il Parco di CityLife è stato progettato nel 2010 e fa parte del ben più ampio progetto di riqualificazione dell’ex quartiere storico della Fiera di Milano. Si tratta del secondo parco più grande di Milano e copre una superficie di 173mila metri quadrati con un’area verde popolata da 2.500 alberi. Coniuga la creazione di un ambiente accogliente e autentico in termini di biodiversità paesaggistico-naturale, con il bisogno di dotare Milano di un’area fruibile che offra servizi molteplici: asilo nido, aree giochi, spazi a uso libero e aree fitness. L’area ospita specie arboree di varie tipologia e dimensioni: grandi querce, aceri e olmi, circondati da un’ampia fascia con grandi arbusti, macchie di erbacee perenni e graminacee.

di Francesco Franza

Fonte Foto: milanocittastato.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *