Torna lo spettro dei colori per l’incidenza del covid. Ecco le regioni a rischio zona gialla

Condividi questo contenuto:

Vi è un’impennata dell’incidenza dei contagi in tutta Italia, e quattro Regioni, Lazio, Veneto, Sardegna e Sicilia, hanno già superato quota 50 casi settimanali per centomila abitanti, la soglia che, con l’attuale normativa, fa abbandonare la zona bianca per finire in quella gialla. Tutto ciò ha portato Governo e Regioni ad avviare un confronto per rivedere i parametri, valutando di inserire anche quello del tasso di occupazione dei posti letto ospedalieri, particolarmente in terapia intensiva. Ma intanto, a oggi, quattro Regioni sarebbero da giallo e altre si apprestano a raggiungerle. Il Lazio in particolare, con la sua crescita-monstre (a Roma casi quintuplicati in due settimane), arriva a un’incidenza di 54 casi per centomila. In forte crescita anche il Veneto, con incidenza di 54,5 per centomila, e la Sicilia, 56,5 per centomila. Ad avere però l’incidenza più alta è la Sardegna, 64,4 per centomila. Solo tre settimane fa avevano tutte incidenze intorno ai 10 casi per centomila, anche meno. La Toscana è a 34,3, l’Umbria a 31,7, la Provincia di Trento a 30,3. Rimane ancora stabile invece la Lombardia, che si assesta a 26,3. In ogni caso le cose cambiano se si osserva, come detto, il dato dei ricoveri, in attesa delle decisioni del Governo in merito: le terapie intensive del Veneto ad esempio sono all’1,3% (una delle ipotesi sul tavolo è far scattare la zona gialla quando si supera il 5%, mentre la soglia da rischio “rosso” è il 30%), quelle del Lazio al 3%, la Sicilia è al 3,3% e la Sardegna all’1,4%. Numeri che eviterebbero il rischio di finire in giallo già con il monitoraggio di questo venerdì, ma va sempre ricordato che i ricoveri tendono a seguire di diversi giorni i contagi, anche se la speranza è che i vaccini, vera chiave di volta di questa fase, attutiscano l’impennata di contagi in maniera sostanziale.

di Francesco Franza

Fonte Foto: fondazioneveronesi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *