Ritrovato l’uovo di un enorme dinosauro dai funzionari delle dogane, all’aeroporto di Orio al Serio

Condividi questo contenuto:

I funzionari delle Dogane, all’aeroporto di Orio al Serio a Bergamo hanno fatto un’incredibile scoperta: durante i controlli sulla merce e-commerce proprio per evitare che vengano importati illecitamente oggetti, hanno trovato un autentico guscio di uovo fossile, incastonato in un sedimento roccioso di origine cinese. Il reperto proviene dalla Malaysia e aveva anche un certificato. Certificato che si è poi scoperto essere stato rilasciato da un ente inesistente. Considerata la scoperta, i funzionari hanno contattato la sovrintendenza archeologica, belle arti e paesaggio che si occupa delle province di Bergamo e Brescia. Dalle loro analisi è emerso che l’uovo appartiene a uno Shunosaurus, un sauropode del  Cretaceo inferiore, originario della Cina. Il fossile è stato quindi messo in stato di abbandono, a seguito soprattutto di rinuncia della spedizione da parte del destinatario, ed è stato acquisito dal Patrimonio dello Stato. Si valuterà infatti una futura esposizione. Questi dinosauri erano esemplari enormi, tanto che sono considerati i più grandi animali mai vissuti sulla Terra. Il nome particolare gli era stato attribuito a causa della conformazione degli arti: il significato è infatti “Piedi di lucertola” e questi dinosauri avevano in tutti e quattro gli arti cinque dita pienamente sviluppate come nelle lucertole attuali. Erano inoltre dotati di piccole teste e denti a forma di spatola. Nonostante questo però avevano un corpo molto grande, un collo lungo e una coda lunghissima ed erano erbivori.

di Francesco Franza

Fonte Foto: tio.ch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *