Riapre al pubblico la Galleria Campari con tanti ricchi appuntamenti

Condividi questo contenuto:

In occasione della Giornata Internazionale dei Musei, riapre al pubblico, oggi martedì 18 maggio la Galleria Campari con un palinsesto rinnovato e ricco di appuntamenti. Vi sarà quindi nuova linfa per tutti gli appassionati di arte e di design, permettendo ai visitatori di tornare ad immergersi fisicamente nel mondo dell’arte Campari in totale sicurezza. La ripartenza infatti avverrà con le visite guidate gratuite che, il martedì, il giovedì e ogni primo sabato del mese, consentiranno di scoprire la storia del brand Campari, approfondendo il rapporto tra il marchio e il mondo della comunicazione, dell’arte e del design. Un viaggio negli spazi del museo di Sesto San Giovanni (MI), all’insegna dei capolavori della comunicazione e dell’arte del Novecento, come le opere di Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Guido Crepax, Bruno Munari e molti altri. Inoltre riprenderanno il via anche i format Arte e Mixologia in presenza, le visite guidate a due voci condotte da uno storico dell’arte di Galleria Campari e da un bartender di Campari Academy che, oltre alle opere pubblicitarie, approfondiranno fenomeni come l’invenzione del Bitter Campari, la nascita dell’aperitivo, la miscelazione futurista, la nascita del cocktail Negroni e molto altro ancora. La visita guidata si concluderà successivamente con una dimostrazione di preparazione del Cocktail Negroni e aperitivo all’aperto. Un altro evento che si terrà sabato 5 giugno, da tenere in considerazione sarà il Festival degli Archivi promosso da Archivissima, che quest’anno sarà dedicato al tema generazioni, con al centro il rapporto tra Davide e Gaspare Campari e il loro rivolgersi alle varie generazioni di artisti con cui Campari ha collaborato. I prossimi saranno poi mesi densi di grandi appuntamenti, tra cui i programmi temporanei di Galleria Campari che saranno dedicati allo Spiritello, l’opera del 1921 firmata dal pittore e illustratore Leonetto Cappiello, nonché vera e propria icona del marchio Campari, che proprio quest’anno festeggia i suoi cento anni.

di Francesco Franza

Fonte Foto: campari.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *