Approvato il protocollo d’intesa per la rigenerazione di San Siro da parte di regione e Comune

Condividi questo contenuto:

Nelle scorse ore la giunta del Pirellone ha approvato il protocollo d’intesa su proposta dell’assessore alla casa e housing sociale, Alessandro Mattinzoli, il cui obiettivo è la rigenerazione del quartiere San Siro, dando nuova dignità alle case ed aiutando i residenti a integrarsi tra loro. D’accordo con Aler, comune e prefettura, saranno attivati interventi per il perseguimento del comune obiettivo della riqualificazione urbanistica e sociale del quartiere con una specifica attenzione al cosiddetto ‘Quadrilatero’ di piazzale Selinunte. Queste le parole della regione al riguardo: “Il quartiere di San Siro ospita circa 6.000 alloggi di edilizia residenziale pubblica ed è storicamente un quartiere di grande diversità culturale. Tra le sue evidenti criticità, la mancanza di integrazione sociale. Con il protocollo d’intesa sarà attivata una cabina di regia con il compito di individuare le iniziative e le tempistiche da perseguire per lo sviluppo e la rigenerazione della zona. Tra i suoi compiti quello di individuare le iniziative prioritarie e le tempistiche da perseguire per lo sviluppo armonioso degli obiettivi. Avranno priorità la riqualificazione strutturale e il recupero degli immobili dell’edilizia residenziale pubblica, la rivitalizzazione sociale con politiche mirate destinate ai residenti del quartiere e il contrasto dell’illegalità”. Nel quartiere di San Siro sono già attivi progetti per assicurare la riqualificazione del patrimonio abitativo pubblico come il programma integrato di riqualificazione denominato ‘San Siro Baracca’, che prevede una dotazione finanziaria di oltre 8 milioni di euro, il Progetto ‘C.A.S.A.’ che prevede l’offerta di servizi integrati di tipo socio-sanitario direttamente nel quartiere ed è basato sulla collaborazione di Aler Milano con l’Asst Fatebenefratelli Sacco e le associazioni contro la violenza domestica Telefono Donna ed Ebano”. 

di Francesco Franza

Fonte Foto: lascuoladeiquartieri.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *