Manifestazione di infermieri e Oss a Milano contro l’obbligo di vaccinazione

Condividi questo contenuto:

La protesta è andata in scena venerdì 21 maggio davanti alla sede della Regione Lombardia, dove poco più di una cinquantina di operatori sanitari aderenti al sindacato Cub hanno espresso il proprio dissenso contro la legge che impone la somministrazione del vaccino anti Covid a chi lavora nelle strutture ospedaliere o con soggetti a rischio. Riportiamo di seguito le loro parole: “Abbiamo fatto il vaccino, ma siamo contro l’obbligo imposto dal Governo pensa sanzioni e licenziamenti.È un ricatto vergognoso. Ciascuno deve essere libero di poter scegliere se vaccinarsi oppure no, e non è vero che la vaccinazione previene il contagio al 100%. Se si mantengono le mascherine e il distanziamento i rischi sono minimi, anche lavorando in ospedale. Inoltre si tratta di un vaccino sperimentale, del quale non conosciamo ancora bene gli effetti. Non è giusto obbligarci”.

di Francesco Franza

Fonte Foto: repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *