Inizia la produzione del vaccino Pfizer in Lombardia

Condividi questo contenuto:

Arriva il via libera per la produzione del vaccino Pfizer a Monza, direttamente dall’Agenzia Europea del farmaco, che ha autorizzato la produzione del vaccino Comirnaty sviluppato da BioNTech e Pfizer nello stabilimento Thermo Fisher-Patheon di viale Stucchi, nel capoluogo brianzolo. Quello monzese non sarà l’unico sito autorizzato: anche nello stabilimento di Anagni verrà prodotto il vaccino anti covid. Entrambi i siti, chiarisce una nota Ema, produrranno il prodotto finito, fino a 85 milioni di dosi aggiuntive per rifornire l’Ue nel 2021. Queste autorizzazioni non richiedono una decisione della Commissione Europea e i siti possono diventare operativi immediatamente. Questi nuovi vaccini, saranno disponibili in confezioni da 10 flaconcini, che corrispondono a 60 dosi, e potranno essere conservati fino a dieci settimane a una temperatura tra i 2 e gli 8 gradi. Inoltre non sarà necessaria la diluizione prima della somministrazione. Un importante passo in avanti rispetto a quelli attualmente in uso che richiedono invece la diluizione prima dell’iniezione, sono disponibili in confezione da 195 flaconcini, che corrispondono a 1.170 dosi, e possono essere conservati al massimo per un mese a una temperatura tra i 2 e gli 8 gradi. Questa la nota dell’Ema: “Queste differenze forniranno migliori opzioni di stoccaggio, trasporto e logistica per la distribuzione e la somministrazione del vaccino. La nuova formulazione sarà disponibile in un lancio graduale a partire dall’inizio del 2022”.

di Francesco Franza

Fonte Foto: fondazioneveronesi.it
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *