Covid, la Lombardia resta zona rossa: “Restrizioni ancora per due settimane”

Condividi questo contenuto:

Niente allentamentdelle misure per il momento: rimandato un avvio verso l’arancio per la Lombardia, che resta ‘rossa’.. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza, in vigore da oggi, con cui si rinnovano le misure relative a 6 Regioni, tra cui proprio la Lombardia.  La nuova ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020. 

Ieri i ministri Speranza e Boccia avevano visto le Regioni e Speranza era stato chiaro: “Nessuno sottovaluti la serietà della situazione. La pressione sulle strutture sanitarie è molto alta. Non si può assolutamente scambiare qualche primissimo e ancora insufficiente segnale incoraggiante in uno scampato pericolo”. “Non escludo che possano esserci altre Regioni rosse nei prossimi giorni” aveva detto da parte sua Boccia.  Nel vertice di ieri il governo aveva dunque garbatamente respinto per il momento il pressing delle Regioni che da giorni chiedono di “semplificare” i criteri che attribuiscono alle Regioni la collocazione nella zona gialla, arancione o rossa. “Le misure dell’ultimo Dpcm e i 21 parametri del monitoraggio non cambiano fino al 3 dicembre – aveva preannunciato il ministro Boccia – e da domani fino a fine mese ci sarà un tavolo tecnico per valutare le ulteriori proposte”. Il Pirellone preme comunque per un allentamento delle misure restrittive, anche su spinta delle categorie produttive che devono fare i conti con le difficoltà economiche causate dal lockdown. Dall’altra parte ci sono invece i medici e il mondo scientifico in generale che invitano alla prudenza.  “La situazione resterà così fino al 3 dicembre – ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana -. faremo comunque valutazioni nei prossimi giorni sulla base dell’evoluzione della situazione epidemiologica”. 

Articolo da IlGiorno.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *