Riapre lo storico mercato coperto Zara

Condividi questo contenuto:

Dopo due anni di lavori, ha finalmente riaperto, lo storico mercato coperto Zara di piazzale Lagosta, nato nel 1946 per servire i cittadini del quartiere Isola. Il mercato, che è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 24, è il primo plastic-free della città, ed al suo interno si troveranno dieci locali. Il Mercato Isola, inaugurato con una vera e propria festa animata da giocolieri e trampolieri, è stato inoltre completamente ristrutturato con l’adeguamento della struttura alle normative in materia di prevenzione incendi, idoneità statica e contenimento energetico. Queste le parole da Palazzo Marino: “È un mercato nuovo non solo per gli arredi, le luci, i dehors con le vetrate apribili, gli impianti di riscaldamento e raffrescamento e la connessione Wi-Fi, ma perché ognuna delle dieci botteghe avrà anche una cucina propria. Chi andrà al mercato potrà comperare carni, salumi, formaggi, pasta, pesce, dolci e tanto altro ma potrà anche farseli cucinare e consumarli all’interno. Tutte le attività di somministrazione ospitate all’interno dello spazio non faranno uso di plastica monouso. Lo spazio ospiterà inoltre una scuola di cucina, diffonderà saperi e pratiche su tematiche di educazione alimentare e promuoverà attivamente le attività e le iniziative del quartiere. Lungo i lati principali dell’edificio sono state aggiunte due strutture leggere e trasparenti, costituite da ampie vetrate, che non alterano il profilo della struttura e sono destinate al consumo sul posto dei prodotti alimentari venduti e cucinati nel mercato. Sono destinate a ospitare anche eventi e iniziative culturali del territorio legate al tema del cibo e non solo. Si tratta di un luogo che riprende le caratteristiche tipiche dei mercati rionali coperti, con i banconi che espongono e vendono i generi alimentari più richiesti, ma rinnovato ed ampliato, grazie alla possibilità di consumare sul posto ed intrattenersi sotto le vetrate negli spazi comuni”.

di Francesco Franza

Fonte Foto: blog.urbanlife.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *