Addio alla plastica negli eventi del Comune di Milano per una città più green

Condividi questo contenuto:

Milano dice addio alla plastica monouso nei suoi eventi, con l’utilizzo di materiali totalmente riciclabili per gli allestimenti passando per il ricorso all’utilizzo di energia elettrica da fonti rinnovabili. Partono da qui alcuni criteri approvati dalla giunta Sala per lo svolgimento di eventi sempre più green con linee guida pensate appositamente per diminuire il proprio impatto sul pianeta. Il provvedimento sottolinea quattro criteri che dovranno essere rispettati per la realizzazione di eventi in città come: il ricorso a materiali riciclabili per gli allestimenti, il rispetto della raccolta differenziata e la limitazione delle plastiche monouso, l’attenzione al contrasto allo spreco alimentare e il ricorso all’uso di energia elettrica derivante da fonti rinnovabili. L’avvio della sperimentazione riguarderà in particolare tutti gli eventi organizzati dal Comune di Milano e le manifestazioni in programma presso la Fabbrica del Vapore e nelle sedi di competenza dell’amministrazione a partire dal 2022. Per gli eventi organizzati da enti del Terzo Settore e ospitati anche presso le strutture comunali i quattro criteri saranno da adottare su base volontaria e inseriti nelle linee guida da inviare agli organizzatori. Lo stesso vale per le manifestazioni organizzate da soggetti terzi per i quali i quattro criteri saranno su base volontaria con un’azione di sensibilizzazione da parte del Comune per l’attuazione di eventi che siano il più possibile sostenibili. Queste le parole dell’assessora all’Ambiente e Verde, Elena Grandi: “La tendenza a organizzare manifestazioni eco-compatibili è sempre più forte. Queste linee guida sono in continuità con azioni già poste in essere in questi anni, come l’eliminazione delle plastiche monouso e il recupero degli sprechi alimentari, nella convinzione che una corretta sinergia tra Amministrazione pubblica e privati sia fondamentale per il raggiungimento di una città a zero rifiuti e zero sprechi”.

di Francesco Franza

Fonte Foto: economiacircolare.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *