La nuova frontiera del lavoro smart: nell’azienda milanese F2A la giornata lavorativa si prenota tramite un’app

Condividi questo contenuto:

Digitalizzazione, flessibilità e agilità, sono queste le tre parole chiave che descrivono i nuovi spazi aziendali di F2A, società controllata dal fondo Ardian leader a livello nazionale nell’outsourcing in ambito HR e FAS. Grazie all’adozione della piattaforma digitale MYSPOT, sviluppata dalla società eFM, l’azienda, mette a disposizione dei propri dipendenti, l’opportunità di prenotare comodamente da casa, scrivanie, sale riunioni e parcheggi per le giornate che decidono di trascorrere in ufficio. La piattaforma facile, intuitiva e fruibile sia da desktop che da app rappresenta un’esperienza innovativa per tutti i professionisti, sempre più partecipi di una realtà fortemente votata alla digitalizzazione dei processi e alla trasformazione della quotidianità lavorativa. Un’azienda che pone al primo posto le persone garantendo, anche grazie a questa tecnologia, il giusto distanziamento sociale e la possibilità di svolgere le proprie mansioni in sicurezza. Ad oggi questa piattaforma digitale ha processato, in tutto il mondo, oltre 90 milioni di metri quadri, impattando direttamente sul vissuto quotidiano di più di un milione e mezzo di persone, spingendosi anche a misurare dimensioni solitamente più intangibili come le relazioni, il livello di engagement, il livello di coinvolgimento delle community. Queste le parole di Raul Mattaboni, CEO di F2A: “Questa iniziativa rientra in una più ampia e ambiziosa evoluzione della vita in ufficio, inaugurata lo scorso anno da una significativa politica di smart working estesa al 100% della popolazione aziendale e orientata anche alla sostenibilità. Un approccio rivoluzionario in termini non solo tecnologici, ma anche e soprattutto culturali al mondo del lavoro che F2A fonda sui valori della responsabilità, dell’appartenenza e della condivisione di obiettivi comuni. Oggi siamo ancora in una fase di assestamento, il cambiamento in atto è epocale, ma le risposte, molto positive, ci incoraggiano a proseguire nel percorso intrapreso. Spiega ancora Daniele Di Fausto, CEO di eFM: “MYSPOT connette il bisogno di esperienza delle persone con i luoghi della città che quell’esperienza sono in grado di accoglierla o generarla. Il meccanismo alla base agevola l’incontro tra tutti gli attori coinvolti nell’utilizzo, nella gestione, nella manutenzione e nella creazione di engagement all’interno di un luogo condiviso. Nello specifico, ne consente l’accesso in regime di sicurezza, permette di configurarlo secondo le proprie esigenze e produce in automatico uno smart-contract legalmente riconosciuto che definisce il rapporto tra le parti”.

di Francesco Franza

Fonte Foto: f2a.biz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *