La città italiana più cara per chi vive in affitto è Milano con un continuo crescendo

Condividi questo contenuto:

Da uno studio di idealista.it realizzato a livello nazionale si può stabilire come Milano sia la città italiana con gli affitti più cari, con i prezzi che continuano a salire. In generale, nel mese di ottobre i prezzi delle locazioni risultano pressoché stabili (-0,1%) rispetto al mese precedente, a quota 11,4 euro mensili al metroquadro. Tuttavia i canoni sono in aumento del 5% su base annuale, con una particolare ascesa dei prezzi degli affitti nelle zone dinamiche, quelle più colpite dalle conseguenze del covid. Il capoluogo lombardo è terzo per aumenti dei canoni (2,3%), dietro a Firenze (2,9%) e Venezia (2,6%). Incrementi vengono registrati un po’ ovunque, da Bologna (1,8%) a Palermo (1,2%), passando per Napoli (0,7%). Rimangono invece stabili mercati come quello di Roma e Torino. Inoltre Milano resta la città più cara per gli inquilini, con una media di 19 euro mensili al metro quadro seguita da Firenze (15 euro/m²), Venezia (entrambi 14,5 euro/m²) e Bologna (14 euro/m²), mentre Roma si ferma a 13,3 euro mensili. A ottobre, invece, è Vibo Valentia (4,3 euro/m²) il capoluogo più economico per gli inquilini, davanti a Caltanissetta con 4,4 euro l’anno. È invece Grosseto (20,6 euro/m²) la provincia più cara per l’affitto, seguita da Ravenna (19,3 euro/m²) e, ancora, da Milano (18,2 euro/m²). Dal lato opposto della graduatoria, la più economica si conferma Caltanissetta (4,8 euro/m²) davanti a Isernia, con soli 5 euro di richiesta media mensile. Per quanto riguarda la Lombardia, con l’1,6%, si classifica la quarta regione italiana per aumento degli affitti, dopo Friuli-Venezia Giulia (6,2%), Umbria (2,8%) e Valle d’Aosta (1,9%). Di più, proprio il mercato lombardo consolida il primato nazionale dei prezzi delle locazioni, a una media di 15,7 euro al metro quadro mensili. A seguire Valle d’Aosta (13 euro/m²), Toscana (12,7 euro/m²), Lazio (entrambe 12,4 euro/m²) e Trentino-Alto Adige (11,5 euro/m²). Canoni inferiori alla media nazionale di 11,4 euro mensili per 15 regioni, comprese tra gli 11 euro richiesti dai proprietari dell’Emilia-Romagna e i 5,5 euro di canone medio mensile richiesti in Molise.

di Francesco Franza

Fonte Foto: milanotoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *