Da lunedì al via i controlli del super green pass a Milano per negozi, ristoranti ed eventi

Condividi questo contenuto:

Milano si prepara a lunedì 6 dicembre, giorno in cui, per effetto dell’ultimo decreto del governo Draghi, si stringeranno ulteriormente le maglie del green pass. Infatti, da quel giorno il certificato verde anti covid “base”, ottenuto con tampone negativo, certificato di guarigione dal covid o vaccinazione, servirà per viaggiare a bordo dei mezzi pubblici, per gli hotel e per andare al lavoro, mentre sarà necessario il green pass rafforzato, riservato ai vaccinati e ai guariti, per gli spettacoli, gli eventi sportivi, per le cerimonie pubbliche e per entrare nei locali al chiuso. Il nuovo perimetro di utilizzo del certificato anticovid, chiaramente, costringe le forze dell’ordine a riorganizzare i controlli e la quadratura del cerchio è stata trovata al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto Renato Saccone con polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia locale seduti allo stesso tavolo. I controlli tenderanno alla prevenzione, e alla verifica del rispetto da parte di imprenditori e datori di lavoro del loro ruolo di supervisione. Il punto di partenza delle verifiche sarà il piano di controllo coordinato del territorio, che divide la città in sezioni affidate alle varie forze dell’ordine. Così, carabinieri e poliziotti aggiungeranno i controlli di green pass e super green pass alle normali attività di prevenzione, mentre alla guardia di finanza sono stati assegnati gli accertamenti in fiere, cinema, teatri ed eventi sportivi. Gli accertamenti in ristoranti, negozi, fiere sostanzialmente quindi non cambieranno. Tanta attenzione verrà riservata ai datori di lavoro, con la Prefettura che nelle prossime ore incontrerà le associazioni di categoria per chiedere a tutti la massima collaborazione. In sintesi: se saranno i gestori delle attività a controllare i propri dipendenti, il lavoro per le forze dell’ordine sarà chiaramente facilitato. Le verifiche sui mezzi pubblici verranno invece effettuate agli ingressi, così da bloccare chi è sprovvisto di green pass senza però incidere sulla fluidità del servizio di metro, autobus, tram e treni. Queste le parole del prefetto Saccone: “Dal 14 giugno la Lombardia è in zona bianca. Basta guardarsi attorno per vedere che è una vita piena, che si svolge intensamente. Dobbiamo far fronte alla quarta ondata, la zona bianca è stata mantenuta grazie al comportamento dei lombardi e alla loro campagna vaccinale. Impegneremo importanti risorse per il rispetto delle misure perché crediamo sia ancora possibile restare in zona bianca e crediamo in un bianco Natale. Le misure del governo vanno applicate con scrupolo e attenzione, bisogna far tesoro della consapevolezza che c’è”. 

di Francesco Franza

Fonte Foto: ilgiorno.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *